Milano in passerella

Dal 22 al 28 febbraio è la volta delle sfilate meneghine

Dopo Londra, ecco in passerella la capitale della moda italiana: quale migliore occasione per farci un salto se non quella della  Milano Fashion Week ?
Un appuntamento irrinunciabile non soltanto per gli addetti ai lavori, ma anche per chi vuole sapere che aria tirerà nel guardaroba del prossimo autunno-inverno.

Cosa pensano i grandi
Puglisi, Gucci, Alberta Ferretti, Prada, Moschino, Armani e Max Mara e tanti altri. I giovani talenti sgomitano, ma sono loro a dettare legge.
E se Ginko ribadisce la sua preferenza per il british style, Gucci sorprende ancora una volta sfoderando il suo arsenale di abiti  e giacche oversize, balze, ma anche pizzo e fiori. Fiori e colori a piene mani – e non potrebbe essere altrimenti – anche per Dolce & Gabbana, mentre decisamente più sobria è la donna di Alberta Ferretti, che pure si ispira al carnevale.

Strutture sexy e colori neutri
Giochi di colore a abiti illusoriamente monastici, ma in realtà piene di fascino, per Fausto Puglisi, mentre Max Mara preferisce puntare sulle tinte unite, dal colore terra ai grigi, nel segno del classico anche se a tratti rivisitato. Rigore anche per Fendi, soprattutto nei tessuti, per donne in cerca del classico intramontabile.
Fanno già discutere di sé, anche se esordienti, Annakiki, Atsushi Nakashima, Situationist e Calcaterra.

Nelle foto:Milano, in passerella donne colorate o alla ricerca del grande classico

 

Comments are closed.